Partecipa a Chieti Notizie

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Presentazione del nuovo allenatore del Chieti Calcio Giuseppe Di Meo: lo speciale di Chieti Notizie

Nel pomeriggio la conferenza presso lo stadio "Guido Angelini". Presentato anche il nuovo direttore sportivo Sandro Federico

Condividi su:

Presentati alla stampa e ai tifosi nel pomeriggio presso la Sala Stampa dello Stadio "Guido Angelini" Giuseppe Di Meo e Sandro Federico, rispettivamente nuovo allenatore e direttore sportivo del Chieti Calcio.

Palpabile l’entusiasmo della piazza: l’impressione è che si parta col piede giusto per questa nuova avventura, dopo le polemiche dei giorni scorsi a cui aveva fatto seguito un fruttuoso incontro fra i tifosi ed il presidente Walter Bellia.

C’è una squadra da costruire per affrontare un campionato che sarà più difficile del solito: fra due anni si tornerà alla Serie C unica, dunque l’imperativo per la Stagione 2013-2014 è quello di entrare nella rosa di squadre (nove) che rimarranno poi in C senza cioè retrocedere direttamente in D.

La Chieti Calcio ha comunicato che domani, venerdì 26 luglio 2013, prenderà il via ufficialmente la stagione agonistica. La truppa neroverde, tra giocatori tesserati ed elementi aggregati, si ritroverà alle ore 9.00 allo stadio "Guido Angelini" per poi partire alla volta di Colledimezzo dove soggiornerà per la prima parte del ritiro presso la struttura "Il Soffio" (26 luglio / 5 agosto).
Il 6 agosto giornata di riposo per tutti, mentre dal 7 agosto fino al 13 la squadra si trasferirà a Caramanico Terme dove soggiornerà presso l'Hotel Sporting Village.

Nel corso del ritiro sono previste una serie di partite amichevoli non ufficiali che saranno rese note in seguito. La prima uscita è prevista per il prossimo 1 agosto alle ore 17.00 contro una delegazione dilettantistica teatina.
Sarà a breve seguire diramato anche l'elenco dei calciatori che prenderanno parte al raduno di domani mattina.

Queste le nostre interviste ai protagonisti della conferenza:

IL PRESIDENTE WALTER BELLIA: “Si è chiuso un ciclo, sono stati cinque anni importanti: abbiamo vissuto campionati in cui partivamo per salvarci e poi siamo arrivati ai vertici lottando per la promozione. Ringrazio Battisti e Di Giampaolo per il lavoro svolto, le cose belle prima o poi finiscono e questo mi dispiace, avrei voluto  continuare con loro ma non è stato possibile. Si volta pagina, ci sono un nuovo Direttore Sportivo ed un nuovo allenatore e ci sarà una squadra rinnovata, senza cioè quelli della vecchia guardia. Faccio i migliori auguri a tutti coloro che hanno onorato i colori neroverdi. Ho portato qui ora dei professionisti del calcio, facce nuove. Perché Federico? Ha avuto risultati importanti, ma soprattutto è una bella persona, pulita, che darà lustro al Chieti e lavorerà per farci sognare. Perché Di Meo? È un sanguigno, uno di quelli che non te la manda a dire, ha carattere ed è carismatico. Ho fatto degli errori lo scorso anno, sono stato forse poco presente, ma ho delle aziende e non potevo trascurarle troppo per il calcio. Ho incontrato i tifosi qualche giorno fa ed è stato un incontro costruttivo: ho detto loro che quando io non ci sarò potranno parlare con gli altri dirigenti. Voglio bene al Chieti e alla città di Chieti, sono un passionale. Gli sbagli commessi devono diventare una forza per il futuro. Ci aspetta un campionato difficilissimo, nove squadre retrocederanno, ci sono scelte oculate da fare e daremo il meglio delle nostre possibilità. Mister e Direttore Sportivo hanno accettato la sfida: lavorando di gruppo potremo fare bene.  La promessa che posso fare è che allestiremo una squadra competitiva: siamo Chieti, il Chieti e vogliamo bene al Chieti! Ho pensato di lasciare ad un certo punto, ma mi sono reso conto che avrei lasciato la società in mano a persone che forse non avrebbero fatto buone cose e dunque ho tenuto duro. Ringrazio anche Nino Galli che non è più con noi ma è andato a Pescara e mi piace dare il benvenuto a Pino Tuccella e al secondo del Mister Di Meo, Antonio dell’Oglio. Nello staff tecnico ci saranno il Dott. Alba e ed il preparatore atletico Bilanzola. Sono contento che sono venuti in tanti a vedere questa conferenza stampa di presentazione. Ora dobbiamo costruire la squadra: vedremo cosa fare e come operare.  Il Direttore Sportivo Federico è venuto con tanta voglia di fare un lavoro certosino e trovare gli uomini giusti: sono convinto che lavorando in tandem con Di Meo si arriverà a qualcosa di importante. Quest’anno non posso dire che ci dobbiamo salvare: bisogna rientrare nelle prime sette – otto in classifica, sarà difficile ma lo dobbiamo fare. Il Chieti avrà un mix di giovani e giocatori di esperienza come ci ha chiesto il Mister Di Meo”.


L'ALLENATORE GIUSEPPE DI MEO: “Sono di poche parole, mi piace fare i fatti. Mi conoscete già da tanto, visto anche le molte battaglie che ci hanno visto come avversari. Prometto grande spirito di sacrificio ed umiltà, mi darò molto da fare. Siamo in ritardo coi tempi , ma faremo in modo di rimediare e faremo una squadra che lotterà per vincere. Ci aspetta un campionato difficilissimo, bisogna partire dalle fondamenta che per ora non ci sono, ma le stiamo costruendo. Dobbiamo avere un giusto mix di giovani e gente d’esperienza: non saremo a livello di Casertana e Messina che hanno un qualcosa in più delle altre. Io so ciò che voglio, conosco l’ambiente, basta poco per fare bene. C’era uno “zoccolo duro” con alle spalle due anni di playoff conquistati ed uno “rubato”, si deve però ripartire da zero visto che ora non ci sono più quei giocatori. Ho fatto qualche richiesta particolare alla società perché ho giocatori che in genere porto sempre con me”.

IL DIRETTORE SPORTIVO SANDRO FEDERICO: “Per me è un giorno particolare: tornare a casa è emozionante. Rivedere tante facce conosciute è un vero piacere. Il presidente mi ha dato una grande possibilità e non ci ho pensato su un attimo ad accettare. Sarà un campionato difficilissimo, siamo in ritardo, è una bella scommessa. Lo devo alla mia città, la mia piccola carriera da calciatore è iniziata qui. Solo con il lavoro di squadra si potrà fare un bel campionato. È un anno particolare in cui possiamo cambiare la nostra storia: il Chieti deve stare nella Serie C unica. Ho visto lo Stadio Angelini tante volte pieno quando giocavo e mi piacerebbe rivederlo così. Pino sa trascinare i tifosi, la società e la squadra dunque mi piace l’idea di lavorare con lui.  Non ci poniamo obiettivi, c’è da affrontare un anno importante.  Qualche nome come giocatore? Faccio solo nomi con cui stiamo trattando: Malatesta, che era due anni fa alla Pro Vercelli e vinse il campionato, poi con me quest’ultimo anno a Carrara. Borgese è un altro nome. Stiamo cercando di chiudere un’operazione importante con la Juventus per un centrocampista ed un portiere giovani. In ritiro verrà anche Cinque che è un attaccante che è stato nella Lazio e nel Mantova ed è un ’91. Da qui ad una settimana potrebbero esserci tanti sviluppi. Il mio compito può essere un po’ più delicato degli altri, ma ho bisogno di tutti, del mister, della società, dei tifosi. Dare dei nomi precisi? Ripeto, meglio di no: ci sono trattative, non vogliamo però farci prendere per la gola perché siamo in ritardo, dobbiamo chiudere le trattative giuste che possano fare il bene di questa squadra. Chieti è una piazza che si entusiasma e anche oggi ho percepito grande voglia di proseguire quanto di buono fatto in questi ultimi anni. Sono convinto di poter portare avanti una bella annata”.

lL VICE PRESIDENTE WALTER COSTA: "Abbiamo fatto la scelta giusta in tempi brevissimi. Ancora una volta si è vista l'alta professionalità della società: ora abbiamo una dirigenza nuova e dobbiamo allestire la squadra. I tifosi ci hanno sempre sostenuto, ringrazio tutti quelli che hanno lavorato per costruire una società perfetta che si fa trovare sempre pronta agli appuntamenti importanti". 

Condividi su:

Seguici su Facebook