Fondazione dell'Arma dei Carabinieri, il 207° anniversario celebrato a Chieti

Conferiti riconoscimenti ai militari che si sono particolarmente distinti in attività d’istituto o liberi dal servizio

| di redazione
| Categoria: Attualità
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Nella mattinata di sabato 5 giugno, all’interno Caserma Rebeggiani di Chieti, sede del Centro Nazionale Amministrativo dell'Arma, i Carabinieri d'Abruzzo e del Molise hanno celebrato, con una ridotta rappresentanza di militari e delegati dei reparti presenti nel capoluogo, il 207° Annuale di Fondazione dell'Arma.

L’Arma dei Carabinieri nasce il 13 Luglio 1814 con le "Regie Patenti" del Re Vittorio Emanuele I che, nella riorganizzazione del Regno di Sardegna, decide di costituire un corpo di militari scelti “per buona condotta e saviezza” al fine di assicurare, la difesa dello Stato, la tutela della pubblica tranquillità e l’osservanza delle leggi. La presenza dei Carabinieri in queste terre è molto antica. Dopo l’Unità d’Italia, il 24 gennaio 1861 viene costituita da Re Vittorio Emanuele II l’8° Legione Carabinieri di Chieti, articolata su 2 Divisioni, Chieti e L’Aquila, 4 quattro Compagnie, 5 Luogotenenze e ben 89 Stazioni, composte da Carabinieri a piedi ed a cavallo. L’Ottava Legione viene soppressa nel 1868 e ricostituita, sempre a Chieti, nel 1919, subito dopo il primo conflitto mondiale. Soppressa di nuovo nel 1927, verrà definitivamente istituita l’11 Giugno 1944 e destinata ad occupare l’attuale sede di Via Madonna degli Angeli.

Nei primi anni di vita della Legione di Chieti cadono in operazioni di contrasto al brigantaggio 4 carabinieri: Cosimo Degli Innocenti della Stazione di Scanno, decorato di Medaglia d’Argento al Valor Militare, Giuseppe De Angelis della Stazione di Guardiagrele, decorato di Medaglia d’Argento al Valor Militare, Settimio Matteini della Stazione di San Buono e il Vice Brigadiere Eusebio Crivelli della Stazione di Pescocostanzo; ma in queste terre ha prestato servizio anche un’eminente figura per la storia dell’Arma, il Col. Chiaffredo Bergia.

Il 12 settembre 1943 nell’ambito delle attività militari connesse all’operazione Quercia per la liberazione da parte dei tedeschi di Mussolini, imprigionato a Campo Imperatore, sul Gran Sasso, una colonna germanica si imbatte in una pattuglia di Carabinieri della Stazione di Assergi che, nell’intimare loro di abbassare le armi ed indentificarsi, vengono raggiunti dalle raffiche delle mitragliatrici. Nell’azione muoiono il giovane Carabiniere Giovanni Natale e la Guardia Forestale
Pasquale Vitocco. Dopo l’armistizio dell’8 settembre 1943 e l’occupazione del territorio italiano da parte delle truppe tedesche, il Capitano Ettore Bianco, comandante della Compagnia di Teramo, raccoglie attorno a se oltre millecinquecento uomini fra militari in servizio, cittadini volontari e soldati alleati ex prigionieri del campo di Tossicia. Il 25 settembre 1943, in località Bosco Martese, sui Monti della Laga, la neonata formazione partigiana viene attaccata da un Battaglione tedesco che, dopo diverse ore di combattimento, viene sconfitto. Il Capitano dei Carabinieri Ettore Bianco, successivamente decorato di Medaglia
d’Argento al Valor Militare, conduce dunque in Abruzzo la prima battaglia in campo aperto della Resistenza, gettando così il seme della lotta partigiana e riaffermando l’importante ruolo svolto dalle Forze armate nella Resistenza nazionale e gli stretti rapporti fra militari e popolazione.

La Legione Carabinieri “Abruzzo e Molise” ricomprende, dal 1 settembre 2016, le omonime Regioni ammnistrative e, dal 1 gennaio 2017, a seguito dello scioglimento del Corpo Forestale, è stato istituito anche un Comando Regione Carabinieri Forestale nell’ambito dello stesso territorio come Comparto di Specialità, con compiti di tutela dell’ambiente. Sul territorio operano i 6 Comandi Provinciali (L’Aquila, Pescara, Chieti e Teramo per l’Abruzzo e Campobasso ed Isernia per il Molise) con 24 Compagnie e ben 228 Stazioni Carabinieri Territoriali, oltre a 67 Stazioni Forestali, 30 Stazioni Parco, 4 Reparti CC Biodiversità e 3 Reparti CC Parco Nazionale. Tale dispositivo, significativamente fitto, dimostra il particolare legame di identità con il territorio e con le sue comunità, essendo presente con le sue Stazioni territoriali e forestali in ben 228 comuni, ed in 208 rappresenta l’unico presidio di polizia.

Questa mattina, nel corso della cerimonia, alla presenza di S.E. il Prefetto di Chieti Armando Forgione, e presieduta dal Gen. B. Carlo Cerrina, Comandante della Legione Carabinieri Abruzzo e Molise, dal Gen. B. Riccardo Piermarini, Comandante del Centro Nazionale Amministrativo dell’Arma dei Carabinieri e dal Gen. B. Giampiero Costantini, Comandante della Legione Carabinieri “Forestale” Abruzzo e Molise, sono stati conferiti alcuni riconoscimenti, ai militari che si sono particolarmente distinti in attività d’istituto o liberi dal servizio.

Nel dettaglio: al Colonnello Salvatore Falvo, Dirigente il Servizio Sanitario Legionale, poiché, designato ufficiale UCR responsabile dell’operazione IGEA per conto dell’Arma dei Carabinieri, operava l’allestimento, la direzione ed il coordinamento delle attività dei siti DTD dislocati nell’ambito della regione Abruzzo, evidenziando straordinarie doti organizzative di comando e controllo in teatro operativo nazionale caratterizzato da elevatissimo rischio epidemiologico.

Al Ten. Colonnello Luciano Andriulli, Comandante il Reparto Comando del Centro Nazionale Amministrativo, per aver operato con straordinaria competenza ed altissima efficacia, contribuendo significativamente al conseguimento degli obbiettivi, quale Provost Marshal e Advisor Training Leader Carabinieri nell’ambito dello Stability Policing della Missione Bilaterale di Supporto in Niger (MISIN).

Al Ten. Colonnello Annamaria Angelozzi, Comandante il NIPAAF Pescara, per l’applicazione e l’impegno professionale dimostrati in occasione dell’operazione di polizia giudiziaria denominata “Il Vate” che ha messo in luce un funzionale sistema corruttivo attraverso cui venivano assegnati, dietro il pagamento di tangenti, fondi per l’organizzazione della manifestazione in occasione dei 150 anni della nascita del poeta G. D’Annunzio.

Al Ten. Colonnello Margherita Cretella, Comandante il NIPAAF Campobasso, per l’applicazione e l’impegno professionale dimostrati nello svolgimento di attività di polizia giudiziaria e controllo del territorio a seguito dell’esplosione verificatasi in una ex fabbrica di fuochi pirotecnici.

Al V. Brig. Peppino Cicchini, addetto al N.O.R. – Aliquota Radiomobile della Compagnia CC di Ortona (Ch) e al Carabiniere Simona Ruggi, addetta alla Stazione CC di Ortona, per aver prestato i primi soccorsi ad un collega colpito da improvviso e grave malore, riuscendo a ripristinare le funzioni vitali ormai compromesse attraverso manovre di rianimazione fino all’intervento dei sanitari che si complimentavano per l’operato svolto.

redazione

Contatti

redazione@chietinotizie.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK