Festino a base di 'coca' nel bar chiuso nelle ore del coprifuoco

I controlli dei Carabinieri: denunciato il titolare del locale, segnalati in quattro per l'assunzione di stupefacenti

| di redazione
| Categoria: Attualità
STAMPA

Si erano chiusi in piena notte all’interno di un bar dell’entroterra teatino, pensando di passare inosservati: ma hanno sottovalutato i controlli, disposti soprattutto in orario notturno, per il contrasto alla diffusione del Covid–19.

Ne sono stati oggetto quattro quarantenni del posto che si erano riuniti per un festino a base di cocaina.

È appena passata la mezzanotte, quando una pattuglia dei Carabinieri scorge la luce accesa in un bar del pedemontano: si fermano pensando ad un furto in atto, ma dalla vetrina vedono chiaramente quattro persone sedute ad un tavolino intente a consumare bevande alcoliche. Una volta entrati, succede un parapiglia generale, con gli avventori che cercano di nascondere qualcosa. In particolare, coprono con una scatola in cartone un oggetto sul tavolo. Sotto, i militari trovano un piatto in ceramica con sopra una riga di sostanza bianca poi risultata cocaina ed una scheda telefonica con tracce della stessa sostanza.

Inizia dunque la perquisizione personale e domiciliare, durante la quale vengono trovati altra cocaina pronta da consumare con delle banconote arrotolate che servivano per sniffarla e un frammento di hashish. 

Il gestore del bar è stato denunciato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti ed agevolazione al consumo, mentre gli avventori sono stati segnalati quali assuntori alla Prefettura di Chieti. Tutti e quattro sono stati contravvenzionati per aver violato il coprifuoco, in base alla normativa vigente.

Il bar, inoltre, è stato chiuso per 5 giorni. 

redazione

Contatti

redazione@chietinotizie.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK