Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Chieti sogna con bomber Galli: l’identikit dell’attaccante marchigiano

| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Vedere il Chieti in Eccellenza, è un dolore, sportivamente parlando, per qualunque tifoso del glorioso club neroverde. Il blasone, infatti, imporrebbe la presenza stabile del club nel mondo del calcio professionistico, che manca ormai da troppo tempo: è dal 2014 che, tra Serie D ed Eccellenza, Chieti non è presente nel gotha del calcio che conta.

Annate lunghe, avare di soddisfazioni. Tentativi falliti di ritrovare il professionismo, un fallimento e la discesa negli inferi dei campionati regionali, dove il sudore, la voglia di conquistare i tre punti e il sacrificio la fanno da padrona. Uno sberleffo per Chieti, città silenziosa e laboriosa, che ancora ricorda le imprese degli anni ‘90 e dei primi anni ‘00, quando la Serie C era la dimora fissa dei neroverdi, seppur con partecipazioni alterne alla C/1 e alla C/2.

Chieti: avvio di stagione deludente

L’attuale Eccellenza abruzzese non è mai stata così ricca di nobili decadute come in questa stagione: oltre al Chieti, la categoria è impreziosita dalla presenza di L’Aquila, Lanciano e Avezzano, altre compagini che, per storia e blasone, hanno ben poco a cui spartire con il calcio regionale.

Tante big che hanno reso assai complesso il lavoro più famosi allibratori italiani, legalmente riconosciuti ed in grado di offrire svariati servizi d’intrattenimento come quelli recensiti su casinosicurionline.net, nell’individuare la favorita del torneo, ovvero sia quella compagine che possa spiccare il volo verso la massima categoria dilettantistica nazionale.

Dopo la rovinosa retrocessione dello scorso anno dalla Serie D, riacciuffata dopo due stagioni di vertice nella massima serie regionale dilettantistica, questo campionato di Eccellenza si sta rivelando avaro di soddisfazioni. La squadra ristagna al nono posto, esattamente a metà del guado dalla classifica, lontana ben sette lunghezze dalla accoppiata di vertice formata da L’Aquila e Delfino Flacco Porto.

In un simile contesto, i tifosi teatini non possono far altro che affidare le speranze di gloria, al momento vane, a quei giocatori che sono in grado di fare la differenza, di poter rilanciare il glorioso Chieti verso lidi che maggiormente gli competono e riportare il Guido Angelini tra gli impianti del mondo professionistico italiano.

Guido Galli: l’uomo della provvidenza

Tra questi spicca, senza alcun dubbio, Guido Galli, il bomber della compagine di Alessandro Lucarelli, che ha racimolato, fin qui, cinque presenze e realizzato sei gol, tre doppiette di pregio messe a segno contro Pontevomano, Bacigalupo Vasto e Spoltore. Un attaccante esperto, prossimo alle trentaquattro primavere, che si è costruito la propria carriera sui palcoscenici dilettantistici più importanti tra Marche (regione di cui originario, lui nativo di Ascoli), Abruzzo e Umbria.

Nasce, calcisticamente parlando, nel Centobuchi, dove, poco più che diciottenne, contribuì alla promozione in Serie D del piccolo sobborgo marchigiano. Raggiunto il paradiso del calcio dilettantistico, Galli venne notato dalla più prestigiosa Maceratese, dove arrivò nel 2007. L’anno successivo restò sempre in Serie D nella vicina Tolentino, per poi passare, a stagione in corso, in quella che, all’epoca, era la squadra maceratese più importante: la Sangiustese.

Con la maglia rossoblu, il ventiduenne Galli assaporò il calcio professionistico: solo tre presenze, nessun gol e la gioia, comunque, di aver preso parte ad una pagina storica del calcio marchigiano, contribuendo all’ottavo posto finale colto dalla squadra di Monte San Giusto.

Dopo aver assaporato il calcio professionistico, Guido decide di tornare in Eccellenza, uscendo per la prima volta dai confini marchigiani. Lo fa per diventare protagonista in quel di Gualdo, suggestiva località umbra che negli anni ‘90 sfiorò, a più riprese, l’approdo in Serie B. Due annate, sedici gol e la voglia, più che giustificata, di riprovare l'ebbrezza della Serie D.

Ma a Todi, prima, e Bastia Umbra, poi, Galli non riesce ad imporsi: due anni e solo 3 realizzate. Guido decide di tornare nelle Marche e ripartire dall’Eccellenza. Anche in questo caso, come avvenuto nella scelta di Gualdo, c’è un glorioso club da rilanciare nel gotha del calcio italiano: la Sambenedettese, società che negli anni ‘80 albergava, stabilmente, nella serie cadetta.

A Francavilla la svolta professionale

Resta un anno e mezzo a San Benedetto, contribuisce alla promozione in Serie D con 4 reti, prima di spiccare il volo verso Aosta, sempre in Serie D, unica volta nella sua carriera al di fuori del triangolo abruzzese-marchigiano-umbro che ha segnato la sua esistenza professionale. Esperienza deludente, che convince Galli, ormai ventottenne, a ritornare in quella che è la sua dimensione prediletta: il campionato d’Eccellenza.

Per la prima volta sbarca in quella che, poi, diverrà la terra promessa: l’Abruzzo. La prima esperienza, a Martinsicuro, è tutt’altro che entusiasmante. Molto meglio, invece, la parentesi di Francavilla, dove, da protagonista, contribuisce al ritorno in Serie D del club abruzzese.

Dopo le positive annate in Eccellenza, Guido fatica a ritagliarsi uno spazio quando la squadra raggiunge l’élite calcistica nazionale e decide di trasferirsi, sempre in Serie D, al Monticelli, dove vive, con ogni probabilità, la sua miglior stagione al di fuori del campionato d’Eccellenza.

Tornato nella Marche, in quel di Fabriano e nell’amata Eccellenza, Galli, ormai trentunenne, si riscopre bomber di razza e sforna la miglior stagione della propria carriera: 33 presenze e 24 goal. Lo scorso anno una dignitosa parentesi a Castelfidardo, prima di approdare a Chieti. Altra piazza, come lo furono Gualdo e San Benedetto, da rilanciare verso i fasti di un tempo.

Contatti

redazione@chietinotizie.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK