Rifugio Pomilio, piena sintonia tra Provincia di Chieti e Ente Parco Majella per assicurare la riapertura della strada di accesso

Il Presidente Di Giuseppantonio: “Deciso intervento delle istituzioni per il rilancio di una struttura storica, strategica per le operazioni di sicurezza e per il rilancio del comprensorio turistico”

| di Provincia di Chieti - Segreteria del Presidente
| Categoria: Territorio
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Piena sintonia tra Provincia di Chieti e Ente Parco Maiella per assicurare la riapertura della strada che porta alRifugio Pomilio, sulla Majelletta, lungo il tracciato del Blockhaus. E’ quanto è emerso nel corso di una riunione tenutasi ieri mattina a Sulmona convocata dal Presidente della Provincia di Chieti, Enrico Di Giuseppantonio, alla quale hanno partecipato anche il Presidente dell’Ente Parco Nazionale della Majella, Franco Iezzi, il Presidente del CAI Abruzzo, Eugenio Di Marzio, e il Vice Presidente e Assessore provinciale alla Viabilità,Antonio Tavani.

 

L’accesso al Rifugio, punto di riferimento per gli escursionisti ma anche piattaforma nevralgica per i soccorsi in alta montagna, è attualmente difficoltoso e proprio nei giorni scorsi il Presidente Di Giuseppantonio aveva auspicato un’azione decisa da parte delle istituzioni per assicurare la piena fruibilità della strada di accesso e, dunque, la salvaguardia di uno storico avamposto: “Il Rifugio Pomilio deve tornare ad essere pienamente operativo, a completa disposizione di alpinisti, turisti, cittadini tutti e operatori del settore – ha confermato il Presidente Di Giuseppantonio – Nella gestione sostenibile del nostro patrimonio naturalistico il rifugio ha rappresentato a lungo un presidio di soccorso nonché un riferimento straordinario per i visitatori in sosta. Oggi abbiamo il dovere di agire sinergicamente per recuperare, rilanciare e promuovere la struttura: non vogliamo un relitto sulle nostre montagne bensì un luogo strategico per garantire l’efficacia delle operazioni di sicurezza e per il rilancio del comprensorio turistico”.

 

“Quando il tratto di strada è stato ceduto all’Ente Parco – ha dichiarato il Vice Presidente Tavani – i rappresentanti delle Istituzioni Locali insisterono per la disponibilità pubblica del tracciato e la manutenzione con il finanziamento dell’Ente Parco in accordo con la Provincia di Chieti. Il Presidente dell’Ente Parco si è dimostrato attento e disponibile per porre fine ai disagi arrecati dall’assenza di manutenzione”.

 

“Abbiamo programmato per martedì 5 novembre un sopralluogo tecnico – ha concluso il Presidente Di Giuseppantonio – per individuare insieme un piano di lavoro e le modalità di gestione della strada: insomma, vogliamo al più presto trovare una soluzione definitiva al problema”.

Provincia di Chieti - Segreteria del Presidente

Contatti

redazione@chietinotizie.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK