DATI CERTI CON CIFRE E TABELLE

LA CRISI DEL PORTO CHE IL SINDACO ED IL COMITATO PORTO NON VOGLIONO VEDERE

| di PEPPINO POLIDORI 
| Categoria: Ortona Notizie
STAMPA

Dati certi, cifre e tabelle.
Ecco la crisi del porto che Comitato e sindaco non vogliono vedere

A chi mi critica perché dico basta ai piccoli Monopoli e chiedo che la città diventi protagonista dei suoi beni e del suo futuro, compreso lo scalo marittimo, avrei potuto rispondere, “vabbè mettiamoci d’accordo”. Invece dico rimaniamo in totale disaccordo in modo che i cittadini che sono i proprietari del patrimonio della città, compreso il porto, - che non è degli imprenditori ma dello Stato - il disaccordo farà capire meglio e a tutti le posizioni reciproche. In modo che un giorno, presto tardi che sia, si capirà chi ha ragione e chi no.
Fatta questa premessa c’è un motivo perché in molti restino spiazzati davanti alle mie critiche sulle cose che non vanno in città e mi attaccano sperando che io soccomba, la ragione sta nel fatto che in pochi, pochissimi in tanti anni hanno avuto la bontà di contestare le scelte sciagurate che hanno portato la città alla deriva. Il risultato dei silenzi e degli inciucetti hanno prodotto una Ortona ferma. 
Ora i lettori comprenderanno che rispondere al presidente del Comitato porto, è abbastanza semplice in quanto non volendo studiare i dati incappa in errori grossolani. Primo punto Davide Tucci (dipendente di una impresa privata) dice che il porto va bene e che arrivano navi Etc . Dove lo ha letto? Io per chi vorrà approfondire pubblicherò dati, grafici, raffronti storici e di anni, fatti da fonti referenziate come Assoporti e l’ISTAT. Ci sono le cifre, tabelle con i volumi globali del traffico commerciale nei porti dell’Adriatico dal 2005 al 2018. Si vedrà che Ortona ha perso costantemente terreno, ossia merci, navi, fondi, lavoratori; insomma il porto è in crisi. Che non appaia a Tucci o altre imprese come Walter Tosto è comprensibile, a loro interessa il volume dei loro affari e non se la città va avanti o torna indietro.
Chi vorrà potrà leggere.
Sistemato il capitolo declino del porto, - con dati e raffronti veri - direi che si può passare alla questione che mi vede convinto assertore del collocamento di Ortona con Civitavecchia.
Lo chiedono le imprese abruzzesi, e non solo quelle, che vedono in Ortona un punto di riferimento. Sono convinto di Civitavecchia perché il mondo oggi gira da est ad ovest e viceversa e non più da nord a sud. Che se ci sarà un futuro ricco per la città bisogna darsi da fare e iniziare a stipulare accordi e patti internazionali, facendosi alleati Governo, Regione e industriali. Non sarà semplice ma almeno rappresenta una via nuova.
Ora che il sindaco di Ortona se ne stia bello zitto zitto sono affari suoi, (lui vuole Ancona come il suo predecessore Coletti, poi defenestrato da D’Alfonso per metterci un suo fedelissimo di Pescara, del Vecchio, con il risultato che Pescara ora ha avuto i fondi per il dragaggio e Ortona sempre al palo, mentre Tucci fa finta che i fondali del nostro porto non siano un problema, un pericolo e un deterrente per gli armatori). Non vorrei annoiare i lettori perché una idea se la saranno fatta. Ricordo solo che gli attacchi personali mi lasciano indifferenti, ma non sopporto che la città venga trattata da zerbino. Infine per essere chiari fino in fondo il porto, le banchine, le luci, le strade, tutte le aree, le bitte, gli ormeggi, le mattonelle e tanto altro ancora le ha pagate e le paga lo Stato; perché è una struttura fatta per la città per le generazioni presenti e future, per lo sviluppo della comunità locale, regionale e nazionale. Non per tizio o caio che hanno pure la pretesa di fare i padroni di tutto. Ed è, e rimane una anomalia che reputo pure discutibilissima, il fatto che il “Comitato porto” sia in balia delle imprese che decidono in base alle loro convenienze. Bisognerà cambiare anche questa regola, i delegati siano persone non dipendenti o espressione dei privati ma siedano nel “Comitato porto”, 
cittadini esperti (ce ne sono tanti) e volenterosi che vogliono solo la crescita della città. Di tutta la città.

PEPPINO POLIDORI  CS

Leggi su Ortona Notizie

Nessuna descrizione della foto disponibile.

Nessuna descrizione della foto disponibile.

L'immagine può contenere: testo

L'immagine può contenere: testo

PEPPINO POLIDORI 

Contatti

redazione@chietinotizie.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK