DI PRIMIO SI DIMETTE

OBIETTIVO: LA CANDIDATURA A PRESIDENTE DELLA REGIONE

| di Luigi Milozzi
| Categoria: Attualità
STAMPA

 

Una notizia che, negli ambienti politici teatini, era nell'aria da parecchi giorni ma che si e' concretizzata solo nelle ultime ore, quelle utili per puntare a correre per la presidenza della Regione Abruzzo. Il sindaco teatino Umberto Di Primio, al secondo mandato nello scranno più alto di palazzo d'Achille ( anche se sembra un eufemismo, visto che la casa comunale di piazza S.Giustino e' ancora tristemente vuota dopo il sisma del 2009) ha protocollato ieri sera le sue dimissioni. Si tratta di un atto dovuto ed obbligatorio, vista la legge attuale, ai fini di proporre candidature a palazzo dell'Emiciclo. "Al Comune di Chieti non cambia nulla" ha affermato Di Primio"continuerò come sempre a fare il sindaco della mia città, in vista di una scelta  che si farà solo al momento dell'indicazione del candidato del centro destra". Sotto questo fronte, comunque, è piena bagarre. Tra i papabili, oltre al primo cittadino di Chieti, anche l'altro teatino e consigliere regionale Mauro Febbo, oltre al teramano Paolo Gatti e ad Antonella Di Nino. Questo per quanto riguarda Forza Italia. In pole position sembrano esserci anche l'ex senatore Fabrizio Di Stefano oltre al segretario regionale della Lega Giuseppe Bellachioma. Insomma i prossimi giorni saranno decisivi, senza dimenticare che a Chieti e' già partita la caccia al nome giusto da proporre al posto di Di Primio. Tutto ciò , mentre dalle opposisioni piovono ovvie critiche alla scelta dell'attuale sindaco e si cercano strategie comune in vista delle oramai probabili ed imminenti elezioni comunali.

Luigi Milozzi

Contatti

redazione@chietinotizie.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK