Una prima assoluta al Marrucino: Giuliano Mazzoccante incontra il big del pianoforte Alexander Kobrin

Appuntamento stasera in occasione del 190esimo anniversario dalla morte di Beethoven. Sold-out la masterclass didattica organizzata per l’occasione, con partecipazioni da Spagna e Cina

| di Redazione
| Categoria: Arte
STAMPA

Presentata ieri, in conferenza stampa, una serata in esclusiva per l’Italia: in occasione del 190esimo dalla morte di Beethoven saliranno sul palco dello storico Teatro Marrucino Giuliano Mazzoccante Alexander Kobrin. Quest’ultimo è in assoluto il pianista con il maggior numero di riconoscimenti al mondo, dal Busoni al Van Cliburn (Texas).

Così, dopo il successo della stagione concertistica promossa insieme alla ArtEnsemble, è arrivato il turno di un nuovo entusiasmante concerto, “fruibile anche ai non addetti ai lavori”, garantisce Mazzoccante. Appuntamento questa sera, 8 luglio, alle 20:30 (biglietto 10 euro, 8 per il ridotto, disponibile su CiaoTickets e al botteghino la sera stessa). Info: 340/0954309. La serata vedrà alternarsi i due artisti al pianoforte - un grancoda della collezione Fabbrini reso disponibile grazie all’intervento della famiglia De Matteis. In programma 4 sonate tra le più famose di Beethoven. Non mancheranno La Tempesta (op. 31 n. 2) e Appassionata (op. 57).

“Si tratta di un’ulteriore occasione, particolarmente ghiotta, per rilanciare l’attività del teatro - ha dichiarato Cristiano Sicari, presidente della Deputazione Teatrale - La stagione concertistica è andata molto bene, grazie anche alla collaborazione con Giuliano Mazzoccante, un ragazzo che oltre alle competenze musicali e organizzative, ha puro entusiasmo da vendere”. 

“Crediamo nel mecenatismo - ha aggiunto il sindaco Umberto Di Primio - ma non può essere l’unica soluzione per la cultura, per questo campo libero a personalità come Mazzoccante, che ben hanno dimostrato di sapersi muovere, motivare il pubblico, trovare risorse, e alla ricerca di nuove forma di sostentamento”. Parole di impegno a fare Chieti una vetrina importante anche dall’assessore comunale Viola, con delega alla Cultura: “In occasione del prossimo bicentenario del teatro, gennaio 2018, contiamo di promuovere iniziative di livello per valorizzare il ruolo della città e del teatro stesso, su scala non solo regionale”.

In occasione della sua presenza in Italia, il musicista moscovita - ormai di stanza negli Stati Uniti - terrà anche una masterclass didattica con partecipazioni dal nord al sud dello stivale, Spagna e Cina (iscrizioni chiuse). Nato in Russia nell’80, Kobrin ha iniziato sin da bambino lo studio del pianoforte alla Gnessin Special Music School. Nel 2003 si è diplomato al Conservatorio di Mosca, dove ha studiato con il professor Naumov, lanciandosi in una carriera luminosa.

Un profilo di tutto rispetto è anche quello di Mazzoccante, concertista teatino attivo in tutto il mondo: ha alle spalle una cospicua produzione discografica che spazia dal repertorio solistico a quello cameristico ed a quello di solista con orchestra. Tra le etichette che lo hanno prodotto: Camerata Tokyo, Wide Classique, Phoenix Classics. Particolare attenzione merita il cd Da Sollima a Tartini, interamente dedicato alla musica Italiana, registrato in duo con la violinista Grazia Raimondi. Questo lavoro discografico è stato recensito anche su Repubblica nella rubrica Prendere Nota dal critico musicale Claudio Strinati. Non mancano i due concerti per Pianoforte e Orchestra di W. A. Mozart K 466 e K 467 incisi con l’Orchestra Sinfonica Abruzzese. Dal 2012 è Socio Onorario del Rotary Club di Subiaco (Roma) mentre il Rotary di Pescara Ovest lo ha insignito del “Paul Harris Fellow” per l’impegno profuso nella diffusione della musica e della cultura.

Da non dimenticare che questo concerto arriva subito dopo il successo della prima edizione del concorso in memoria di Sante Centurione - al quale il 30 aprile scorso era stato dedicato anche un Galà. Copiosa la partecipazione, con ben 160 candidati.  

La giuria era presieduta dal M° Alfonso Patriarca, neo direttore del conservatorio Luisa D’Annunzio di Pescara. “La collaborazione tra istituzioni è fondamentale - ha sottolineato il direttore artistico e pianista Mazzoccante - specie in una terra che ha così tanta sete di cultura”. Tra i protagonisti dell’iniziativa anche Germano D’Aurelio, in arte ‘Nduccio. "Ho potuto contare sul coinvolgimento di un padrino d’eccezione, nonché amico e collega di vecchia data del nostro caro Sante - ha concluso Mazzoccante - per la sezione pop. Siamo già in parola per le prossime edizioni”.

Questi infine i nomi dei 6 vincitori delle finalissime: Giulio di Prato (sax, Abruzzo) e Gabriele Taranto (pianoforte, Catania) per i professionisti solisti. Tra i giovani talenti: Corrado Cieri (violoncello, Abruzzo) e Michele Apollonio (pianoforte, Campobasso). Per i premi speciali per la musica da camera: Tetra Quartet e il Quintetto di fiati del Conservatorio di Pescara. 

Redazione

Contatti

redazione@chietinotizie.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK